Romanzi già letti mille volte (Una mia pacata e sofferta riflessione)

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una pagina di alta letteratura contemporanea che non può fare altro che costringerci a riflettere con attenzione su quali sono i veri valori della vita:

"Villaggio Turas, 30 giugno 2019

Una mia pacata e sofferta riflessione

Cari Condomini;
Ho l'impressione che nel nostro Villaggio si stia vivendo un atteggiamento passivo nei confronti del presente. Atteggiamento che sta sgretolando uno dei pilastri del nostro stare insieme. L'insofferenza e le pretese assurde di alcuni ci stanno portando ad un irreversibile declino, con possibili effetti devastanti per tutti. E' come se si pretendesse di vivere di soli diritti. Le quote condominiali versate da alcuni, compreso il consumo dell'acqua, non bastano neppure per coprire le spese per la gestione della stessa!!! Oggi viviamo nell'epoca dei diritti: diritto ad urlare, diritto a protestare, diritto a pretendere, diritto a rivendicare, diritti di un certo "signore" che continua a denigrare ostinatamente, pesantemente e vergognosamente, danneggiando tutti indistintamente. (il suo motto dichiarato? Muoia sansone con tutti i filistei!!!!!) Da oltre 6 anni questo "signore" continua a scrivere romanzi già letti mille volte - con il deposito di montagne di carte, memoriali ed esposti ed accesso ad atti a tutti gli enti possibili, magistratura compresa. Il condominio Turas rivendica semplicemente il pagamento delle quote condominiali dal 2013 ad oggi!!!

Lasciatemi dire che i diritti sono sacrosanti e vanno tutelati, ma se continuiamo a vivere di soli diritti, contestando i doveri, di diritti moriremo.

Per questo, credo, che a tutela dei nostri interessi, dobbiamo tornare ad un serio senso del dovere con la consapevolezza che per avere bisogna anche dare.

Cordiali saluti a tutti e anche agli altri!!

Rocco Semeraro"

"signori" si nasce non si diventa ..........
A proposito di "romanzi già scritti mille volte" in quante lettere scritte ai "condomini" avete letto di "condomini cattivi " che facevano solo i loro interessi e non quelli del condominio?
Tutte lettere che hanno una sola cosa in comune non concedono il "diritto di replica" perché, nonostante: "l'accesso a tutti gli enti possibili", proprio il condominio si rifiuta di fornire gli estratti conto e la contabilità, forse i torni non contano?
Ci auguriamo che qualcuno a proposito di un: "Atteggiamento che sta sgretolando uno dei pilastri del nostro stare insieme" ci voglia parlare della "scissione" chiesta da alcuni condomini che vivono nel Comune di Bosa e che hanno manifestato la loro ferrea volontà di separarsi dall'amato condominio, al punto da fare "riunioni di condominio" riservate a pochi eletti per concertare, con la direzione e la benedizione del "King", il modo migliore per realizzare questo loro progetto teso, ovviamente, al bene e al florido futuro dell'amato condominio.
Quousque tandem abutere, Catilina, patientia nostra?

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.