Un Passo laterale anno 2017

Mettendo in ordine cronologico la vasta produzione letteraria di King Rocco abbiamo avuto modo di rileggere quella che il King intitola “invio verbale di assemblea del 14/08/2016 con allegati.” datato “Bosa-Magomadas, agosto 2016", rapiti dal contenuto di questa opera non abbiamo potuto fare a meno di fare delle considerazioni.
Nella lettera, King Rocco, ci informa che: “anche per motivi anagrafici, devo necessariamente iniziare a fare un passo laterale” ……

Ci dice anche che: “ non è bello ed e tantomeno foriero di armonia il comportamento di chi tendenzialmente e nei fatti cerca un dissenso, una critica al di là di ogni ragionevole dubbio, indizio e prova. Un comportamento talvolta pretestuoso che assume anche connotazioni sgradevoli. Questo mio scritto è per meglio precisare, affinché ognuno di noi condomini abbia più elementi su cui analizzare e riflettere nonché prestare attenzione su quanto ormai è anche in giudizio come ad esempio la vertenza con le Società Progetto Impresa Sviluppo Srl e Tate srl in liquidazione. Vorrei anche fare una considerazione su quanto espresso dal Sig. Ceschel, contestatore in termini negativi e lo invito a valutare attentamente, serenamente e seriamente i motivi del dissenso, talvolta di così bassa rilevanza da assumere una portata assolutamente pretestuosa. Invito pertanto l’appena citato “condomino” dissenziente e per esso le sue di fatto Società a leggere con molta attenzione l’allegato n. 9 e chiedo visti e letti tutti i carteggi depositati in Tribunale ad Oristano, che le Società Progetto Impresa Sviluppo srl e Tate srl in liquidazione ancora debitrici degli oneri, oltre alle ricevute, diano prova documentale – ove mai vi riuscissero le due società e per esse il Ceschel – delle loro uscite di cassa mediante distinte di bonifici o altri documenti bancari rilasciati per le relative operazioni. Presumo che tali documenti contabili siano di veloce e facile esibizione trattandosi di Società di capitale per le quali ricorre l’obbligo contabile. Ribadisco che trattandosi di Società di capitali appare quanto mai necessario agli occhi di chi ha invece pagato regolarmente che vengano fornite le prove in oggetto.

Mettendo in ordine cronologico la vasta produzione letteraria di King Rocco abbiamo avuto modo di rileggere quella che il King intitola “invio verbale di assemblea del 14/08/2016 con allegati.” datato “Bosa-Magomadas, agosto 2016", rapiti dal contenuto di questa opera non abbiamo potuto fare a meno di fare delle considerazioni.
Nella lettera, King Rocco, ci informa che: “anche per motivi anagrafici, devo necessariamente iniziare a fare un passo laterale” ……

Ci dice anche che: “ non è bello ed e tantomeno foriero di armonia il comportamento di chi tendenzialmente e nei fatti cerca un dissenso, una critica al di là di ogni ragionevole dubbio, indizio e prova. Un comportamento talvolta pretestuoso che assume anche connotazioni sgradevoli. Questo mio scritto è per meglio precisare, affinché ognuno di noi condomini abbia più elementi su cui analizzare e riflettere nonché prestare attenzione su quanto ormai è anche in giudizio come ad esempio la vertenza con le Società Progetto Impresa Sviluppo Srl e Tate srl in liquidazione. Vorrei anche fare una considerazione su quanto espresso dal Sig. Ceschel, contestatore in termini negativi e lo invito a valutare attentamente, serenamente e seriamente i motivi del dissenso, talvolta di così bassa rilevanza da assumere una portata assolutamente pretestuosa. Invito pertanto l’appena citato “condomino” dissenziente e per esso le sue di fatto Società a leggere con molta attenzione l’allegato n. 9 e chiedo visti e letti tutti i carteggi depositati in Tribunale ad Oristano, che le Società Progetto Impresa Sviluppo srl e Tate srl in liquidazione ancora debitrici degli oneri, oltre alle ricevute, diano prova documentale – ove mai vi riuscissero le due società e per esse il Ceschel – delle loro uscite di cassa mediante distinte di bonifici o altri documenti bancari rilasciati per le relative operazioni. Presumo che tali documenti contabili siano di veloce e facile esibizione trattandosi di Società di capitale per le quali ricorre l’obbligo contabile. Ribadisco che trattandosi di Società di capitali appare quanto mai necessario agli occhi di chi ha invece pagato regolarmente che vengano fornite le prove in oggetto.

Pagina 2

Ma cosa ha detto King Rocco ???? Vi rendete conto del livello della persona cui continuate ad affidare le nostre case e i nostri soldi? Non si capisce in che lingua si esprima e fa delle affermazioni di una gravità tale che rende impossibile riuscire a capire il comportamento di chi continua a supportarlo da anni.
Forse, tale comportamento, si potrebbe giustificare solo ipotizzando l’esistenza di un “Sistema Villaggio Turas” nel quale pochi hanno dei privilegi a discapito di molti.
King Rocco ci dice: “invito pertanto l’appena citato “condomino” dissenziente e per esso le sue di fatto Società a leggere con molta attenzione l’allegato n. 9”.
In cosa consiste il “famigerato” allegato n. 9? L’allegato n. 9 è la fotocopia di un bonifico di 2.500,00 euro che il Condominio Villaggio Turas Residence Bosa invia in data 17/05/2013 a EUGENIO CESCHEL con questa “causale”: “RESTITUZIONE ACCONTO QUOTE CONDOMINIALI FALLIMENTO BAUER ANTICIPATE NEGLI ANNI DAL 2004 AL 2006 COMPRESI”.
Qual è il messaggio subliminale di King Rocco che mostrando a tutti l’allegato n. 9, sembra esprimersi con il tipico linguaggio della sacra corona unita (King Rocco è pugliese): caro Ceschel è vero che il Condominio Villaggio Turas Residence Bosa ha incassato 10.000,00 dalla Tate s.r.l. in liquidazione ma io ti ho mandato 2.500,00 euro, e allora birbantello che hai rubato i soldini della Tate s.r.l. ……. bocca cucita e …. tutto a posto … una mano lava l’altra e tutte e due lavano il viso.
Egregio King Rocco però lei, in questo messaggio subliminale, ci casca sulla “causale” infatti, scrive: “restituzione acconto quote condominiali fallimento Bauer anticipate negli anni dal 2004 al 2006 compresi” mentre la Tate s.r.l. ha fatto due bonifici da 5.000,00 euro ciascuno in data 20/03/2009 e in data 01/04/2009, cioè 5/3 anni dopo rispetto a quello che lei scrive.

Pagina 3

E poi come ha fatto, un amministratore esperto come lei, a cadere nella trappola del Ceschel e a restituire a lui i 2.500,00, ricevuti dalla Tate s.r.l.? Siamo sicuri che una persona esperta come lei si sia fatto autorizzare dall’amministratore della Tate s.r.l., perché, da come lei l’ha proposta con l’esibizione dell’allegato n.9, sembra proprio che si tratti di un’appropriazione indebita ……
E poi King Rocco questa ci sembra una svista troppo paradossale per un serio professionista come lei, ha dimenticato che l’amministratore di un condomino non può restituire soldi a un singolo condomino senza l’autorizzazione dell’assemblea? Può considerarli un acconto sulle quote future che il condomino dovrà versare al condominio ma non può restituirli. Si figuri se può restituire dei soldi di un condomino a una persona “non condomino” che nulla a che fare con quel condomino, questo potrebbe far sorgere qualche dubbio soprattutto quando è cosa risaputa che questa persona “non condomino” ha prestato a lei, alle società da lei amministrate e ad altri membri della sua famiglia ingenti somme di denaro.
Siamo sbalorditi, egregio King Rocco, ma com’è possibile che analizzando con attenzione le spese relative al bilancio consuntivo 2012/2013 non siamo riusciti a trovare contabilizzata questa uscita di 2.500,00 euro?
E com’è possibile che nella contabilità del condominio non sia stata contabilizzata l’entrata di 4.558,04 euro che sono stati accreditati sul conto corrente del Condominio Villaggio Turas Residence Bosa a seguito di un bonifico eseguito in data 16/05/2013 dal curatore del fallimento Bauer?
Così come ci sembra che non siano stati contabilizzati, nelle entrate del condominio, i due bonifici di 5.000,00 euro ciascuno fatti dalla Tate s.r.l.. Pensiamo che, se non avesse dimenticato di farlo, si sarebbe ricordato in che data sono stati accreditati sul conto corrente del Condomino Villaggio Turas Residence Bosa e non avrebbe fatto confusione nello scrivere la “causale” del bonifico di cui all’allegato n. 9.

Pagina 4

Egregio King Rocco, vorremmo che lei riflettesse anche su questa considerazione: quando un amministratore di una società o di un ente riceve una somma di denaro dal debitore “X” o emette una fattura quietanzata o rilascia una ricevuta quietanzata, significa che sta “certificando” di aver incassato in nome e per conto della società o ente che rappresenta quella somma di denaro dal debitore “X”. L’articolo 1199 c.c., definendo il diritto del debitore alla quietanza, recita: “Il creditore che riceve il pagamento deve, a richiesta e a spese del debitore, rilasciare quietanza e farne annotazione sul titolo, se questo non è restituito al debitore. Il rilascio di una quietanza per il capitale fa presumere il pagamento degli interessi”.
Questo significa che se un amministratore di una società o di un ente quietanza di aver incassato una somma di denaro senza averla incassata, sta procurando un danno gravissimo alla società o ente che rappresenta perché la somma di denaro che l’amministratore ha “certificato” di aver incassato costituisce la liquidità della società o ente rappresentati sulla quale sarà fatto affidamento per adempiere i futuri impegni economici della società o ente.
Egregio King Rocco, così come previsto dalla legge ci sembra ovvio che non deve esser il debitore cui è stato quietanzato un pagamento a dover dimostrare di aver pagato, ma, viceversa, deve essere l’amministratore a dover dare spiegazioni del perché abbia quietanzato l’incasso di somme che dichiara di non aver mai incassato.
Ci sembra evidente che nessun buon amministratore rilascerebbe o peggio invierebbe per posta o per email delle ricevute regolarmente quietanzate senza essere prima certo di averne incassato il corrispettivo.

Pagina 5

Con riferimento alla richiesta che lei, pensando di essere un vero “furbetto”, fa alla Tate e alla Progetto Impresa Sviluppo e cioè di esibire i titoli di pagamento, ci teniamo ad informarla che gli unici che hanno titolo a chiedere eventuali chiarimenti all’amministratore delle Società succitate sui pagamenti effettuati in nome e per conto delle suddette Società sono solo i soci delle Società, e noi crediamo che i soci delle suddette società non abbiamo alcun dubbio sull’operato dell’amministratore.
È chiaro che anche i condomini del Condomino Villaggio Turas Residence Bosa hanno il diritto di pretendere spiegazioni dall’amministratore del condominio che dopo aver rilasciato ricevute quietanzate dichiara di non aver mai incassato le somme che ha quietanzato.
Oltretutto, la domanda sorge spontanea, ma se le somme che lei ha quietanzato non sono entrate nelle casse del condominio, lei dove ha trovato i fondi per pagare tutte quelle cose che nel bilancio consuntivo dichiara di aver pagato in nome e per conto del condominio? Vuol dire che il Bilancio preventivo che lei ha proposto era forse “eccessivo”?
Lei, con le sue affermazioni, ci vuol dare ad intendere di non aver incassato i soldi dalla Tate e dalla Progetto impresa Sviluppo, salvo poi dichiarare, in un'altra sua notevole composizione letteraria, che in realtà le ha pagate lei detraendole dai suoi emolumenti di amministratore, ma, dall’analisi della contabilità del condominio, appare evidente che lei si sia dimenticato di detrarle dai suoi presunti crediti nei confronti del condominio.

Pagina 6

Qui di seguito le proponiamo un breve riassunto delle somme concernenti, la sola vicenda Bauer:

  • Il condominio, come da lei quantificato in una lettera inviata il 30/07/2010 alla C.A. dell’Avv. Perencin, ha pagato la somma di circa 3.000,00 euro per le spese legali relative all’ottenimento di un decreto ingiuntivo esecutivo contro il Sig. Bauer;
  • Nel rendiconto 2008/2009 lei azzera 7.980,00 euro di crediti che il condominio vantava nei confronti del Sig. Bauer con la seguente causale "fallimento BAUER GERMANIA";
  • Nel riparto delle spese condominiali 2009/2010 alla pagina 2 con il codice 203 in data 30/06/2010 lei apposta 7.305,71 euro con la causale saldo debito pregresso Tate. In pratica sostiene che lei in nome e per conto del condominio ha restituito 7.305,71 euro alla Tate che invece non li ha mai ricevuti; ovviamente se lei li avesse già restituiti alla Tate s.r.l. avrebbe prodotto copia del pagamento in Tribunale, comunque essendo lei “dotto” di contabilità non avrà problemi a mostrare ai condomini copia del bonifico;

Riassumendo dando per certi i 3.000,00 euro che lei dichiara di aver pagato all’avvocato Cabiddu per l’ottenimento del decreto ingiuntivo esecutivo contro il Sig. Bauer (in contabilità ci sarà sicuramente una fattura), il valore della “Operazione Bauer” è: 7.980,00+7.305,71+10.000,00+4.558,04= 29.843,75 ci sembra una cifra abbastanza consistente sulla quale riflettere attentamente.

Pagina 7

Analizzando quelle “tracce” di estratto conto che ogni tanto lei “ob torto collo” è stato costretto a mostrarci, ne ho trovata una che va dal 30/06/2008 al 31/07/2008 dove a fronte di un saldo iniziale di 780,82 euro, ci sono 300,00 euro di accrediti in data 01/07/08 con valuta 27/06/08 con la seguente causale “bonifico a vostro favore da Colombo Tiziano per acconto quota condominiale appartamento 11BM” e 992,70 euro di addebiti per un saldo finale al 31/07/2008 di euro 88,12
Lei non crederà alle sue orecchie egregio King Rocco ma ne nella gestione spese 2007/2008 che chiude al 30/06/2008 e ne nella gestione spese 2008/2009 che apre il 16/10/2008 c’è traccia di quello che è successo fra il 01/07/2008 e il 15/10/2008 , quasi tre mesi di buio totale, nonostante l’estratto conto da lei prodotto ci dimostri che, nel solo mese di luglio, sono stati incassati 300,00 euro e spesi 992,70.
Egregio King Rocco se come sostiene è “una persona capace di contemperare e conciliare, come io ho sempre fatto, gli interessi di tutti noi”, (non sappiamo cosa significhi ma ipotizziamo che lei la interpreti come una cosa positiva) non faccia solo “un passo laterale” (iniziato più di un anno fa) faccia una corsa.

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.