Lesa Maestà

Lo denuncio non lo denuncio …… lo denuncio non lo denuncio ……. lo denuncio non lo denuncio ….. il prode King Rocco avrà finito di sfogliare la margherita?
E già, durante la “grottesca” assemblea del 30 agosto 2017 che ci ha regalato un amministratore ineleggibile che è stato rieletto, un bilancio consuntivo dichiarato illegale da due sentenze che veniva approvato e un bilancio preventivo idem come sopra; si è consumato anche il reato di “lesa maestà”.
Una voce ha osato rinnovare un dubbio che era già stato sollevato in tempi passati, qualcuno ha, ancora una volta, esplicitato la sua perplessità sulla "limpidezza" dell’operato di King Rocco dicendo nel corso dell'assemblea che: “metà dei 136.000 euro della gestione del Villaggio vengono intascati dal sig. Semeraro.

A quel punto di fronte a cotanta arroganza: “Il sig. Semeraro reagisce alle accuse chiedendo all'Assemblea di prendere posizione sulle affermazioni del sig. XXXX e chiedendo una votazione in proposito. L'Assemblea all'unanimità ad esclusione del sig. XXXX si dichiara contraria alle accuse.” E infine “ Il sig. Semeraro ringrazia della fiducia e dichiara di riservarsi qualunque azione a tutela del proprio buon nome.”.


Ma non è surreale tutto questo????

Semeraro reagisce alle accuse chiedendo all'Assemblea di prendere posizione sulle affermazioni del sig. XXXX e chiedendo una votazione in proposito.”.
Ma una votazione su che cosa ???? Come se l’assemblea fosse un “organismo” sovrannaturale e al di sopra delle leggi che giustifica tutto e con la sua approvazione legalizza tutti i comportamenti di King Rocco.
L'Assemblea all'unanimità ad esclusione del sig. XXXX si dichiara contraria alle accuse.”.

Ma su che cosa hanno votato? Se XXXX dovesse essere messo fra i buoni o i cattivi?

E infine la ciliegina sulla torta: “Il sig. Semeraro ringrazia della fiducia e dichiara di riservarsi qualunque azione a tutela del proprio buon nome.”.

Ma vi siete chiesti quale sarebbe dovuta essere la reazione di una persona che non ha nulla da temere?

Tenendo conto del fatto che alla data dell’assemblea Semeraro era solamente un condomino e che solo come tale avrebbe potuto e dovuto partecipare all’assemblea, se avesse avuto la coscienza a posto la prima domanda che avrebbe dovuto fare al condomino XXXX sarebbe dovuta essere sulla base di quale ricostruzione contabile era arrivato a tale conclusione. Invece lui che fa? Incita i suoi prodi a sbugiardare il dissidente e a condannarlo al pubblico ludibrio, tutti acclamano King Rocco e in tal modo la fine “sociale” di XXXX nel regno di King Rocco è segnata per sempre e la spada di Damocle della denuncia per diffamazione comincia a pendere sulla testa di XXXX.

Lo denuncio non lo denuncio …… lo denuncio non lo denuncio ……. lo denuncio non lo denuncio ….. il prode King Rocco avrà finito di sfogliare la margherita?
E già, durante la “grottesca” assemblea del 30 agosto 2017 che ci ha regalato un amministratore ineleggibile che è stato rieletto, un bilancio consuntivo dichiarato illegale da due sentenze che veniva approvato e un bilancio preventivo idem come sopra; si è consumato anche il reato di “lesa maestà”.
Una voce ha osato rinnovare un dubbio che era già stato sollevato in tempi passati, qualcuno ha, ancora una volta, esplicitato la sua perplessità sulla "limpidezza" dell’operato di King Rocco dicendo nel corso dell'assemblea che: “metà dei 136.000 euro della gestione del Villaggio vengono intascati dal sig. Semeraro.

A quel punto di fronte a cotanta arroganza: “Il sig. Semeraro reagisce alle accuse chiedendo all'Assemblea di prendere posizione sulle affermazioni del sig. XXXX e chiedendo una votazione in proposito. L'Assemblea all'unanimità ad esclusione del sig. XXXX si dichiara contraria alle accuse.” E infine “ Il sig. Semeraro ringrazia della fiducia e dichiara di riservarsi qualunque azione a tutela del proprio buon nome.”.


Ma non è surreale tutto questo????

Semeraro reagisce alle accuse chiedendo all'Assemblea di prendere posizione sulle affermazioni del sig. XXXX e chiedendo una votazione in proposito.”.
Ma una votazione su che cosa ???? Come se l’assemblea fosse un “organismo” sovrannaturale e al di sopra delle leggi che giustifica tutto e con la sua approvazione legalizza tutti i comportamenti di King Rocco.
L'Assemblea all'unanimità ad esclusione del sig. XXXX si dichiara contraria alle accuse.”.

Ma su che cosa hanno votato? Se XXXX dovesse essere messo fra i buoni o i cattivi?

E infine la ciliegina sulla torta: “Il sig. Semeraro ringrazia della fiducia e dichiara di riservarsi qualunque azione a tutela del proprio buon nome.”.

Ma vi siete chiesti quale sarebbe dovuta essere la reazione di una persona che non ha nulla da temere?

Tenendo conto del fatto che alla data dell’assemblea Semeraro era solamente un condomino e che solo come tale avrebbe potuto e dovuto partecipare all’assemblea, se avesse avuto la coscienza a posto la prima domanda che avrebbe dovuto fare al condomino XXXX sarebbe dovuta essere sulla base di quale ricostruzione contabile era arrivato a tale conclusione. Invece lui che fa? Incita i suoi prodi a sbugiardare il dissidente e a condannarlo al pubblico ludibrio, tutti acclamano King Rocco e in tal modo la fine “sociale” di XXXX nel regno di King Rocco è segnata per sempre e la spada di Damocle della denuncia per diffamazione comincia a pendere sulla testa di XXXX.

Pagina 2

La prima cosa da notare è che, oltre alla legalità, in quell’assemblea mancavano anche tutti i documenti relativi alla contabilità del condominio. Potrei elencarvi tutti i documenti contabili che un amministratore diligente deve tenere durante tutto l’anno solare e quali obbligatoriamente devono essere presentati in assemblea nel resto di Italia e invece nel regno dell’intoccabile King Rocco cosa si porta in assemblea? La contabilità controllata e verificata da chi? Dai consiglieri del condominio nominati nell’assemblea del 14/08/2016 i Sig.ri: Ledda Giuseppe, Curreli Anna, Ibba Severino, Castori Luciano?

Voci di corridoio ci dicono che addirittura il “non condomino” Ledda e l’inossidabile Dott. Murgia si siano rifiutati di verificare la contabilità e allora la domanda sorge spontanea: ma chi ha verificato come sono stati spesi 136.311,72 euro? Se dividiamo questa somma per dodici mesi il condominio ha speso la bellezza di 11.359,31 euro al mese per ottenere cosa? Nessuno ha mai verificato gli estratti conto e saprebbe rispondere.

Ci siamo presi la briga di leggere le spese elencate dall’amministratore in quel “criptico” documento contabile che lui definisce: “Gestione Condominio 4.2 Spese” e che è alla base di tutta la contabilità del condominio. In tale documento è elencata una serie di spese non supportate da nessuna pezza d’appoggio e che, più volte, abbiamo dimostrato non essere assolutamente in linea con quelle poche righe di estratto conto del conto corrente condominiale che siamo riusciti ad ottenere e che, in Italia, è considerato per legge l’unico mezzo attraverso il quale l’amministratore di condominio può pagare le spese del condominio.

Pagina 3

Abbiamo suddiviso il succitato documento in “centri di costo” che avessero un senso e che fossero omogenei e questo è quello che abbiamo ottenuto:

PAGATO AMMINISTRATORE 22.209,75
DEPURATORE 21.068,96
RETE IDRICA 18.452,26
SPESE LEGALI  16.229,00
ENEL/ENI    14.947,02
POTATURE E DISCARICA 13.764,80
TOTALE 106.671,79

In pratica sei delle voci di “Gestione Condominio 4.2 Spese” racchiudono il massimo della spesa, pensiamo che non debba essere difficile per l’amministratore mostrare le fatture e i pagamenti con relativo estratto conto concernenti le uscite relative a queste sei voci, le altre voci per un totale di circa 30.000,00 sono:

FOGNA 7.727,70
ASSICURAZIONE 7.277,90
MANUT. PULIZ. STRADE 2.896,80
DERATTIZZAZIONE 2.094,74
VARIE  1.840,45
AUTOMEZZI   1.265,00
ASSEMBLEA 1.200,00
CARBURANTE 1.128,00
DISINFESTAZIONE  976,00
SENZA CAUSALE 932,41
CASETTE CONTATORI 552,70
ILLUMINAZIONE STRADE 420,00
PREST. OCCAS. ACQUISTO PRODOTTI 241,71
CONTO CORRENTE  234,30
RESO A CONDOMINO FERRARI  229,42
SPESE POSTALI 197,60
VISURE IN CONSERVATORIA 175,00
ORNAMENTO 100,00
CANCELLERIA 59,20
RIMBORSO SPESE 1,00
FATT. OPPO 0,00
TOTALI 29.549,93

Pagina 4

Cioè la voce “Fogna” che ogni anno il King enfatizza come essere una delle maggiori in realtà non lo è ma, a guardar bene, i "cavalli di battaglia" rimangono sempre gli stessi che già numerose volte sono stati oggetto di discussioni anche legali soprattutto la voce “POTATURE E DISCARICA” 13.764,80 euro.
Tale voce pur riguardando, la maggior parte delle volte , giardini privati viene imputata a tutti i condomini.
Vedremo chi dovrà pagare l’abbattimento dei pini che minacciavano il tetto dell’Ing. Sabbatini …..
Ma chi erano tutte quelle persone di colore che partecipavano alla potatura?
Sicuramente non operai specializzati e poi se la potatura è stata fatta da lavoratori occasionali e utilizzando attrezzi di proprietà del condominio chi farà la fattura al condominio?
Quale mezzo è stato usato per conferire i materiali in discarica?
Siamo sicuri che le fatture e le uscite dal conto corrente condominiale risponderanno a tutti questi quesiti fugando ogni possibile dubbio.

Ma il costo più rilevante subito dopo quello riferito al “pagato Amministratore” è sempre il famoso “DEPURATORE”, ben 21.068,96 euro.

Negli ultimi 13 anni la gestione del depuratore è costata al condominio circa 280.000,00 senza conteggiare le spese per l’energia elettrica; una media di 21.538,46 euro all’anno, per un villaggio che è al completo forse quattro settimane l’anno.

Noi siamo convinti che le incomprensioni “contabili” che hanno portato il condomino XXXX a compiere il reato di lesa maestà siano dovute soprattutto all’ignoranza dei condomini che non hanno mai avuto la possibilità di verificare i documenti contabili, e che da anni chiedono, inutilmente, di vedere gli estratti conto del condominio.

Certo che, per esempio, il fatto che il costo del depuratore sia stato pagato nell’arco di 507 giorni invece che in 365 è particolare, così come le spese legali e quelle per il pagamento dell’amministratore siano state sostenute in 341 giorni, le spese per la rete idrica in 329 giorni, le spese per la potature e discarica in 250 giorni le spese per enel/eni in 336 giorni, in questo modo non è chiaro quale sia il periodo di competenza di queste spese.

D’altra parte già nell’agosto del 2014 lo stesso King Rocco aveva modo di scrivere: “Sarà comunque mia premura, per il futuro, predisporre preventivi di spesa più dettagliati, in modo tale che ognuno di noi possa essere messo in condizioni di capire al meglio le voci di spesa in esso contenute. In effetti la veste grafica del preventivo è quella di molti anni fa, che risale all'inizio dell'attività di questo condominio e trovo corretto proporvelo in una veste più aderente alle attuali necessità.”, una ottima riflessione ed un ottimo proposito che poi “inspiegabilmente” sono rimasti tali.

È strano che ciclicamente qualche “incauto” condomino si sollevi contro il King, ed è strano che anche varie sentenze abbiano dichiarato non troppo “limpida” la gestione del povero King. Non si capisce poi perché qualcuno continui, inutilmente, a dubitare del King intanto l’assemblea delibererà all’unanimità di tutte le deleghe lasciate nelle mani del King e tutti i mali, del King, saranno perdonati e lavati in cambio del diritto di avere “vacanze tranquille”.

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.