La favola del più Saggio del Villaggio

C’era una volta un villaggio di agricoltori molto previdenti che avevano deciso di incaricare il più Saggio del Villaggio di conservare ogni anno una parte del raccolto per affrontare eventuali carestie o calamità naturali.
Il più Saggio del Villaggio mise a disposizione il suo granaio per custodire le scorte di grano che a fine stagione gli altri agricoltori gli avrebbero affidato.
In cambio del suo impegno, ogni anno, il più Saggio avrebbe ricevuto da loro cinque chili di grano.
Il più Saggio del Villaggio aveva un nipote scapestrato, di nome Lapo, che non amava molto il lavoro dei campi ma preferiva bere e festeggiare.

Lapo era il figlio dell’unica sorella del più Saggio del Villaggio, rimasta vedova poco dopo il matrimonio, e che non possedeva neanche un pezzo di terra da far coltivare a suo figlio Lapo.
Gli abitanti del Villaggio, che erano persone buone, avevano deciso di affittare a un prezzo simbolico un pezzo di terra alla sorella del più Saggio del Villaggio, in modo che Lapo potesse coltivarlo e dare un sostegno alla madre.
Il primo anno, la terra affidata Lapo, non rese nulla perché lui aveva gozzovigliato tutto il tempo senza andare mai a lavorare il pezzo di terra che era stato affittato alla madre.
Di conseguenza, la vedova non aveva soldi per mangiare e pagare l’affitto.
Gli abitanti del Villaggio, molto arrabbiati con Lapo, decisero di togliergli la terra perché per loro avrebbe rappresentato un maggior raccolto e decisero di non aiutare più quel giovane scapestrato che non apprezzava che loro si fossero tolto il pane di bocca per sostenere lui e la madre.
A quel punto, il più Saggio del Villaggio pagò l’affitto al posto della sorella e garantì che avrebbe fatto di tutto perché il nipote Lapo mettesse giudizio e facesse rendere la terra che gli era stata affittata.
Passarono dieci anni e Lapo, invece di migliorare, peggiorava sempre più, al punto che gli abitanti del Villaggio decisero di allontanarlo dal Villaggio.
Il più Saggio del Villaggio decise allora di prendere la sorella a vivere con sé e le disse che si sarebbe occupato di lei per sempre.
Gli abitanti del Villaggio fecero presente al più Saggio del Villaggio che erano dieci anni che nessuno pagava l’affitto per il terreno trascurato da Lapo e che per renderlo di nuovo produttivo sarebbero serviti tanti soldi e tanto lavoro.
Il più Saggio del Villaggio disse loro che avrebbe pagato tutto lui perché in questi dieci anni, non fidandosi molto del nipote Lapo, invece di utilizzare i cinque chili di grano che tutti gli abitanti del Villaggio gli davano ogni anno in cambio del suo impegno, li aveva messi da parte nel granaio.
Il più saggio del Villaggio prese i sacchi e li diede agli abitanti come pagamento degli affitti arretrati e per i danni fatti da suo nipote Lapo.
Tutti gli abitanti del Villaggio lodarono la lungimiranza del più Saggio del Villaggio, si dichiararono soddisfatti del pagamento e vissero tutti felici e contenti.

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.